RECENSIONE: Bologna Violenta – Uno Bianca

Recensione di Andrea Barbaglia

Torna Nicola Manzan. E lo fa con il disco più concettuale della sua carriera. Un album intriso di umori e sensazioni che non guardano semplicemente al noir, ma lo travalicano addirittura, sfociando attraverso il consueto guazzabuglio sonoro proprio dell’artista veneto nella violenza reale che contraddistinse le cronache di un passato non troppo lontano nella memoria collettiva di un’Italia da saldi di fine Prima Repubblica. Non solo il Paese, ma anche i morti sono reali, come documenta la cruda copertina (18 agosto 1991 – San Mauro Mare (FC): agguato auto senegalesi); e reclamano Giustizia.

Non è un retaggio degli anni di piombo. Non sono i servizi segreti deviati. Non c’entrano Gheddafi o Saddam. La banda della Uno Bianca è una cellula impazzita. È il crollo delle certezze. È la realtà distorta. È quello che non può essere e non deve accadere. È una mattanza. Gratuita e spiccia. Malata. Una sventagliata di mitra nella notte e in pieno giorno.

Nevrotiche, feroci, disturbanti, di cattivo gusto, insindacabilmente fastidiose per la sconcertante drammaticità rievocata, le rumoristiche ventisei tappe di avvicinamento ai titoli di coda di quel 29 marzo 1998 – Rimini: suicidio Giovanni Savi che racconta vergogna e dolore straziante di un padre (classe 1926) che ultima vittima dei killer, figli suoi, paga addirittura per loro, sono una riflessione profonda sulla follia umana e le sue dinamiche intrinseche.

Sostenuto da numerose partiture classiche di archi come mai accaduto fino ad ora in studio di registrazione, lo strumentale grindcore manzaniano è scandalo per i benpensanti. Manzan è il Duchamp dell’estremo. I fratelli Savi il grimaldello che scardina le regole. E lo fanno in maniera scientificamente seriale a partire da quella prima rapina sulla A14 al casello autostradale di Pesaro che il 19 giugno 1987 segnò l’inizio dei crimini perpetrati dalla banda. Un colpo capace di fruttare al commando 1.300.000 lire, inizio di un’escalation di ben altra violenza che nel corso di sette anni lascerà dietro di sé 24 omicidi e oltre 100 ferimenti.

Il clamore sarà dato dall’aggravante che della “Uno Bianca” ben cinque elementi su sei si scoprirà essere poliziotti regolarmente in servizio tra la Questura di Bologna e il commissariato di Rimini. L’abominio dei servitori dello Stato contro i propri colleghi e i cittadini tutti sono il pretesto per raccontare uno spaccato sociale che di lì a poco sarebbe profondamente mutato una volta per tutte. Forse in peggio.

Immersi anche noi nella cronaca di quei giorni grazie alla guida all’ascolto proposta nel booklet dell’album, il passato riaffiora in tutta la sua allucinante brutalità mescolandosi presto a rabbia e incredulità.

Caduto il velo grottesco dei precedenti lavori emerge nel progetto Bologna Violenta la serietà che la Storia impone responsabilizzando il polistrumentista trevigiano nella sua ferma condanna circa l’efferatezza dei crimini narrati. Non una apologia alla criminalità organizzata, ma al contrario una preghiera per tutte le sue vittime e una denuncia – viva – a loro imperituro ricordo.

UNO BIANCA – BOLOGNA VIOLENTA
(Woodworm/Wallace Records/Dischi Bervisti, 2014)

  1. 19 giugno 1987 – Pesaro: rapina casello A-14
  2. 31 agosto 1987 – San Lazzaro di Savena (BO): rapina casello A-14
  3. 3 ottobre 1987 – Cesena: tentata estorsione
  4. 30 gennaio 1988 – Rimini: rapina supermercato Coop
  5. 19 febbraio 1988 – Casalecchio di Reno (BO): rapina supermercato Coop
  6. 20 aprile 1988 – Castelmaggiore (BO): attacco pattuglia Carabinieri
  7. 19 settembre 1988 – Forlì: rapina supermercato Coop
  8. 26 giugno 1989 – Bologna: rapina supermercato Coop
  9. 15 gennaio 1990 – Bologna: rapina ufficio postale
  10. 6 ottobre 1990 – Bologna: rapina tabaccheria
  11. 10 dicembre 1990 – Bologna: assalto campo Rom
  12. 22 dicembre 1990 – Bologna: attacco lavavetri extracomunitari
  13. 23 dicembre 1990 – Bologna: assalto campo Rom
  14. 27 dicembre 1990 – Castelmaggiore (BO): rapina distributore
  15. 4 gennaio 1991 – Bologna: attacco pattuglia Carabinieri
  16. 20 aprile 1991 – Bologna: rapina distributore
  17. 30 aprile 1991 – Rimini: attacco pattuglia Carabinieri
  18. 2 maggio 1991 – Bologna: rapina armeria Volturno
  19. 19 giugno 1991 – Cesena: rapina distributore
  20. 18 agosto 1991 – San Mauro a Mare (FC): agguato auto senegalesi
  21. 28 agosto 1991 – Gradara (PS): scontro a fuoco con due poliziotti
  22. 24 febbraio 1993 – Zola Predosa (BO): rapina banca
  23. 7 ottobre 1993 – Riale (BO): rapina banca
  24. 3 marzo 1994 – Bologna: rapina banca
  25. 24 maggio 1994 – Pesaro: rapina banca
  26. 21 ottobre 1994 – Bologna: rapina banca
  27. 29 marzo 1998 – Rimini: suicidio Giuliano Savi

Ti piace Just Kids? Seguici su Facebook e Twitter!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...